Translate

Foto dalla Pinacoteca

Prigioniero
Prigioniero

Giornata della Memoria

Il 27 gennaio si aprivano i cancelli di Auschwitz.
Oggi ho letto molte volte questa frase, la memoria è importante!
Però, c’è sempre un però, mi chiedevo gli omosessuali dei campi di concentramento per i quali si aprirono i cancelli di Auschwitz e si chiusero alle loro spalle i cancelli delle prigioni, che cosa devono ricordare oggi.
La memoria è quella di essere stati vittime della dittatura nazista e poi vittime delle democrazie occidentali, fino al 1968 il paragrafo 175 rimarrà in vigore tale e quale a quello nazista e, dopo svariate modifiche, solo nel 1994 sarà abrogato definitivamente.
Memoria di persone che non poterono mai chiedere i danni per quello che avevano subito, ne potevano raccontarlo senza correre il rischio di finire in prigione, infatti si saprà solo in tempi recenti che tra le vittime della follia nazista vi erano anche gli omosessuali, quando ormai forse era tardi per aver riconosciuto un giusto tributo agli orrori subiti, orrori che per molti non terminarono il 27 gennaio 1947 ma proseguirono negli anni seguenti nelle democratiche carceri tedesche.
Oltra centomila persone verranno perseguite per il reato di omosessualità e almeno cinquantamila verranno condannate tra il 1947 ed il 1969, ai condannati bisogna aggiungere quelli che  preferirono il suicidio alla pubblica gogna.
Dov’è la memoria? Cosa bisogna ricordare oggi?
I cancelli di Auschwitz si aprivano ed il mondo conosceva gli orrori che in quei campi si erano perpretati e la memoria dovrebbe evitare che tali orrori si ripetano.
Ma la memoria serve se solo due giorni fa in russia, minuscolo di proposito, si approvava una legge che prevede il carcere per la propaganda gay? serve se l’ex nazista ed ora capo dello stato pontificio continua a riversare sui gay il proprio odio?
Serve forse a dare il coraggio di combattere contro i nazisti del terzo millennio che  ci vorrebero chiusi in un campo di concentramento, torturati ed uccisi.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento