Translate

Foto dalla Pinacoteca

Graffiti di sogno - fotoelaborazione elettronica - 2002
Graffiti di sogno - fotoelaborazione elettronica - 2002

Sochi: Arrestata Vladimir Luxuria!

Vladimir va a Sochi e la arrestano per un cartello in cui c’era scritto in russo “Gay è ok”!
Ci sta, sta violando una legge e dimostrando al mondo quanto quella legge sia assurda ed omofoba!
Scandalosi i commenti che si leggono nei vari social network italiani e che ci dimostrano quanto arretrati siamo riguardo alla civiltà!
Dal “speriamo se la tengano” al “mandatela in Siberia” abbiamo tutta una serie di commenti omofobi che ci dimostrano quanto il nostro paese di bello non abbia proprio nulla ma che al contrario sia costruito su uno strato di lerciume.

Dal canto nostro speriamo che Vladimir Luxuria venga liberata al più presto e che adesso i nostri politici non nascondano la testa sotto la sabbia ma che reagiscano fermamente alla situazione russa.

Chi ha agito invece fermamente contro la Russia è Barack Obama che non è andato a Sochi, come invece ha fatto Letta, mandando una delegazione con gay e lesbiche.
Obama inoltre in queste ore ha fatta sentire la propria voce anche in Uganda, in cui si sta per rendere reato l’omosessualità, minacciando ripercussioni nei rapporti tra i due paesi se questa legge andrà in porto. Bravo Obama!

Tornando alla situazione russa questi sono i giochi che non si sarebbero dovuti fare, ma che per ragioni economiche e non sportive, si stanno svolgendo in uno stato che tanto ricorda la Germania di Hitler!

Chiudiamo con un grande applauso a Vladimir Luxuria che ci ha dimostrato che sono i fatti non le parole a far grande una persona!

Vladimir Libera!!

Un Commento a “Sochi: Arrestata Vladimir Luxuria!”

  • Liberata dopo alcune ore, il giorno dopo è stata fermata ancora dalla polizia insieme ed espulsa dalla Russia in quanto “Persona Non Gradita”.
    Persona non gradita nella Russia di Putin per me è una medaglia al merito di cui essere fieri per tutta la vita!!
    Brava Vladimir!

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento